Ci sono differenze tra una testina per giradischi HI-FI e una testina per uso DJ?

Ci sono differenze tra una testina per giradischi HI-FI e una testina per uso DJ?

Testine per giradischi con stili diversi; ma quale scegliere?

14 giugno 2018

Se hai avuto la necessità di acquistare una nuova testina (cartuccia fonografica) per il tuo giradischi, avrai sicuramente notato che tra tutte quelle presenti sul mercato ci sono differenze che spesso risultano sostanziali; non solo nel prezzo, ma anche nei materiali utilizzati per la loro realizzazione, nella loro forma e nella loro specifica funzione.

Nelle righe che seguono, ci soffermeremo su due tipi di testine (o cartucce fonografiche) progettate per due diverse applicazioni: una per riprodurre l’audio con la massima fedeltà possibile (ovviamente il tutto è sempre rapportato al prezzo) dedicata all’ascolto in casa, per un uso hi-fi; l’altra, invece, realizzata con l’obiettivo primario di resistere alle sollecitazioni di un uso/abuso intensivo, propri di un’applicazione DJ, turntablist o broadcaster.

Diamo quindi una rapida occhiata ai due modelli che abbiamo scelto, rappresentativi delle due tipologie di utilizzo appena descritte, in modo tale da poter determinare quale sia la migliore scelta per la tua esigenza.

Gli stili

Ci sono fondamentalmente 3 tipi di stilo, con multiple variazioni disponibili per alcuni di essi: sferico (conico), biradiale (ellittico) e iper-ellittico (line contact, MicroLine, Shibata ecc.)

Lo stilo conico è comunemente usato nelle applicazioni commerciali. La sua forma è adatta per resistere a sollecitazioni forti come lo scratching e il back-cueing, azioni tipiche in un utilizzo DJ. Se specificatamente destinata a questi utilizzi, la "cartuccia DJ" sarà dotata anche di un sistema di sospensione potenziato. Lo stilo a forma conica è adatto anche per un “HI-FI” entry-level, in quanto offre comunque un buon rapporto prestazioni-prezzo. Gli stili conici sono durevoli, richiedono una minore precisione nell’allineamento, sono in grado di resistere a forze di trazione più elevate e hanno un costo ridotto grazie alla facilità di fabbricazione.

Anche lo stilo a forma ellittica può essere utilizzato per il back-cueing e lo scratching leggero, ma principalmente è progettato per offire ai DJ professionisti le migliori prestazioni ad alta fedeltà. Audio-technica, ad esempio, sulla nuovissima testina per DJ AT-XP5, monta uno stilo di forma ellittica che, avendo un lato più lungo (rispetto alla forma a cono) riesce a stabilire un contatto maggiore con il solco del disco e quindi ad ottenere un dettaglio più preciso e un suono migliore, anche se ha un costo leggermente superiore.
Confrontato con lo stilo sferico, risulta maggiormente preciso, riduce la distorsione sonora e l’usura del vinile; nel caso di un utilizzo dello stilo biradiale si consiglia di adottare uno strumento di allineamento della testina per ottenere prestazioni ottimali.
I vantaggi di una riproduzione più dettagliata e di una minore distorsione di tracciamento rendono lo stilo a forma ellittica una scelta adeguata per l'ascolto a casa, soprattutto se utilizzato in combinazione con un sistema hi-fi di buona qualità. Per questi stessi motivi può costituire una valida scelta per trasferire i vinili in formato digitale, operazione in cui è fondamentale mantenere la fedeltà del suono.

Gli stili iperellittici possono variare leggermente di dimensioni, ma l’aspetto importante è che la loro forma tipica offre maggiori benefici sonori e una pressione di contatto inferiore rispetto agli stili meno sofisticati; oltre a una ridotta rumorosità e una minore usura dello stilo stesso. Anche per le testine con stilo iperellittico, vista la complessità della forma, è altamente raccomandato l’uso di uno strumento di allineamento.

 

SCOPRI TUTTI I PRODOTTI DJ DI AUDIO-TECHNICA

 

EFFETTUA IL DOWNLOAD DEL CATALOGO AUDIO-TECHNICA:
PERSONAL AUDIO GENNAIO 2020 (DOVE PUOI TROVARE L'INTERA GAMMA DI GIRADISCHI)